Protesi d'anca mininvasiva
per via anteriore

L’intervento chirurgico di protesi d’anca consiste nella sostituzione delle porzioni femorale e acetabolare dell’articolazione coxo femorale danneggiate o usurate, con componenti artificiali in titanio biocompatibili. Trova la sua indicazione in caso di coxartrosi primitive (artrosi dell’anca) o secondarie (displasia congenita), osteonecrosi della testa del femore o in condizioni post-traumatiche (fratture).

Protesi anca mini invasiva accesso anteriore

Vengono generalmente impiantate protesi con tecnica press fit (non cementate, fissate all’osso a incastro o a pressione), con la possibilità di optare per un accoppiamento articolare ceramica-ceramica o ceramica-polietilene, a seconda dell’età e delle richieste funzionali del paziente.

L’intervento di protesi d’anca mininvasiva viene effettuato utilizzando la via d’accesso anteriore diretta (DAA) che, rispetto a quelle tradizionali laterale diretta o postero-laterale, permette la conservazione del patrimonio osseo e il risparmio dei tessuti peri-articolari (muscoli, tendini, vasi e nervi) con l’obiettivo di ridurre le complicanze e diminuire i tempi di recupero.

Sfruttando un piano anatomico sia internervoso che intermuscolare, il chirurgo accede direttamente all’articolazione dell’anca senza incidere né tagliare alcun tendine e può lavorare con protesi di piccole dimensioni e strumentari dedicati.

La via d’accesso anteriore prevede un’incisione longitudinale cutanea di circa 7 cm nella regione antero-laterale della coscia oppure una piccola incisione nella piega inguinale (con la cosiddetta tecnica bikini) con un impatto estetico minimo.

I vantaggi

Ridotto o assente dolore post operatorio

Mobilizzazione precoce dell’anca operata

Minor rischio di lussazione per il risparmio di muscoli glutei e rotatori

Rapido ritorno ad attività quotidiane e lavorative

Modeste perdite ematiche intraoperatorie

Minima e cosmetica cicatrice chirurgica (tecnica bikini)

Estrema precisione nella lunghezza degli arti

Il protocollo post operatorio

La ridotta o assente sintomatologia dolorosa e la conservazione del tessuto muscolare consentono sin dal giorno successivo all’intervento di avviare il protocollo riabilitativo. Il paziente viene sottoposto ad una precoce mobilizzazione attiva e passiva dell’anca operata e può stare seduto a letto. In maniera intensiva, viene educato dai fisioterapisti ad una deambulazione assistita con bastoni antibrachiali. Di solito, una volta dimesso, è in grado di camminare autonomamente, fare le scale con appoggi, stare seduto ed alzarsi da solo per andare in bagno. Il programma di riabilitazione prosegue poi ambulatorialmente con regolare e costante fisiokinesiterapia a secco ed, eventualmente, in piscina riabilitativa, per il rinforzo del quadricipite della coscia e dei glutei, importanti stabilizzatori del bacino.
Il ritorno all’attività sportiva è possibile solo dopo un completo recupero riabilitativo, con l’avvertenza di cominciare da quelle a basso impatto (nuoto e bicicletta).

Radiografia di anca con coxartrosi (a sinistra)
e di articolazione sostituita con protesi (a destra)

Domande frequenti

La tecnica mininvasiva con accesso anteriore è una procedura affidabile e riproducibile con successo da un chirurgo esperto in tutti i pazienti e senza limitazioni legate all’età. Possiamo, semmai, parlare di eventuali potenziali difficoltà tecniche in pazienti molto tozzi e muscolosi, individui obesi e soggetti con specifiche alterazioni morfologiche dell’anca (es. gravi displasie congenite con accorciamento dell’arto).
Generalmente la ripresa della guida viene autorizzata dal chirurgo dopo il primo controllo clinico a circa 30 giorni dall’intervento, dopo aver visionato le radiografie di controllo e aver constatato la completa ripresa della funzionalità e il buon tono-trofismo muscolare della coscia.
Esistono differenze tra i singoli pazienti in relazione all’età, alle caratteristiche fisiche, all’allenamento e alla tipologia di sport praticato. Solitamente la ripresa di sport come ciclismo e nuoto avviene intorno ai 2-3 mesi, mentre quelli ad alto impatto (es. tennis, basket, volley, sci) necessitano di tempi più lunghi, non inferiori ai 4 mesi. Naturalmente questa tipologia di disciplina implica un più alto rischio di potenziali complicanze legate a possibili traumi o cadute, come lussazioni della protesi, fratture periprotesiche e rischio di usura precoce delle componenti articolari.

Guarda il video

Hai necessità
di una visita specialistica?

Hai necessità di una visita specialistica?

L' opinione dei pazienti

Ultimi articoli

Nuovo programma di chirurgia robotica per protesi d’anca

Il dottor Paolo Razzaboni ha partecipato nei giorni scorsi...

Paolo Razzaboni robot mako
Specializzazione in chirurgia robotica per il dr. Razzaboni

Il dottor Paolo Razzaboni ha preso parte a Verona...

formazione protesi anca
Nuova sessione formativa di protesica d’anca a Cremona

A Cremona nei giorni scorsi il dottor Paolo Razzaboni...